Abbonati Accedi
Informazione lenta e approfondita
per un altro mondo di giornalismo
ATTUALITÀ
CULTURA
ANALISI
INCHIESTE
INTERVISTE
Informazione lenta e approfondita
per un altro mondo di giornalismo
205.000
Copie stampate
1107
Articoli scritti
850
Attiviste/i
73000
Persone coinvolte
2430000
Utenti raggiunti

Slowtempo – Mellon Collie and The Infinite Sadness


Davide De Gennaro

In teoria musicale, gli “slow tempos” sono i tipi di andatura ritmica delle battute più lente. Contro la frenesia degli algoritmi di Spotify o Apple Music, una guida musicale più a misura d’uomo, che racconterà alcuni degli album più significativi della storia recente. Il primo che abbiamo deciso di raccontare è Mellon Collie and The Infinite Sadness degli Smashing Pumpkins.  Continua a leggere

La rete di estrema destra di Capitol Hill


Luca Zucchetti

Nonostante, in Italia, alcuni abbiano sostenuto che la causa degli scontri dello scorso 6 gennaio a Capitol Hill, vada ricercata nelle diseguaglianze economico-sociali da dove è nata una parte del consenso di Trump. Anche qualora fosse vera, questa narrazione non potrebbe spiegare pienamente gli eventi in questione.  Continua a leggere

Llaika: un viaggio post covid tra i luoghi della cultura indipendente – quarta tappa


Collettivo Llaika

Come la cultura indipendente sta reagendo alla crisi del Covid-19? Ce lo racconta Llaika, riportando gli stimoli e gli imprevisti di un viaggio da Venezia fino a Catania. Quarta tappa: i luoghi di partecipazione musicale, luoghi di occupazione e riqualificazione, imprescindibili poli di riferimento per le comunità dei quartieri, che in questa situazione di stallo si ritrovano, più di prima, a fo... Continua a leggere

Strade per la sostenibilità


Nicolò Lauzi e Lorenzo Cirino

In questo articolo, realizzato grazie al prolungato e proficuo confronto con gli esperti di Banca Etica, riflettiamo sull’orientamento dei capitali verso uno sviluppo sostenibile delle nostre società. Oggetto della nostra analisi sono dunque:  il credito erogato dagli Istituti bancari e creditizi, i fondi comuni d’investimento socialmente responsabili e, quindi, gli ancora tanto ambigui, olt... Continua a leggere

Ma ti conosco?


Brigitta Mariuzzo, Irene Lodigiani, Marta Bernardi, Antonino Indelicato.

Telegram fornisce delle possibilità di connessione interessanti, se non migliori rispetto ad altre, purtroppo però il suo uso non è sempre trasparente, la cronaca racconta infatti che sempre più spesso gruppi e utenti usano Telegram per scambiare materiale pornografico e pedopornorafico non consensuale. Continua a leggere

Dopo la Brexit il Regno Unito si trova solo e indebolito


Lorenzo Sangimeni

Dopo quattro anni di disperati tira e molla, sul fino di lana Boris Johnson è riuscito a negoziare un accordo presentato come la vittoria personale dell’ex sindaco di Londra, tuttavia il suo atteggiamento compiaciuto sembra perlomeno fuori luogo, data la condizione in cui versa il Regno Unito e le enormi sfide che si troverà ad affrontare nel prossimo futuro. Continua a leggere

N.32 - Maggio 2020

Il 32esimo numero di Scomodo è arrivato!
Abbonati per riceverlo a casa, sfogliarlo in versione pdf o leggere tutti glia rticoli online.

SCOPRI IL NOSTRO LAVORO

“Siamo stati un pezzo di memoria”, intervista a Carlo Lucarelli


Di Luca Bagnariol e Caterina Bertoni Gonzales

All'interno di questa lunga conservazione con Carlo Lucarelli, abbiamo cercato di farci spazio all'interno degli innumerevoli segreti che avvolgono ancora oggi gli anni di piombo, guidati dalla voce che meglio è riuscita a narrarli attraverso uno dei programmi più importanti della rete pubblica, Blu Notte. Continua a leggere

Come il #NoStreamDay potrebbe favorire gli streamer di Twitch


Alessio Esposito, Andrea Bacchin

Lo scorso 9 dicembre numerosi streamers italiani presenti su Twitch si sono rifiutati di andare in onda. L’evento, denominato dagli stessi #NoStreamDay, presenta le caratteristiche tipiche di uno sciopero, tra i primi mai organizzati in questo settore. Quali sono i vantaggi che i lavoratori della piattaforma potrebbero avere? Continua a leggere

Il Peso degli Anni di Piombo schiaccia ancora l’Italia


Di Luca Bagnariol, Alessandro Mason, Caterina Bertoni Gonzales, Gina Maria Marano

Dopo settant'anni è inaccettabile che ancora oggi la ricerca storiografica sul periodo degli Anni di Piombo debba costantemente scontrarsi con il muro di gomma innalzato dal Segreto di Stato, che ancora oggi impedisce al nostro paese di riuscire ad affrontare con successo i demoni che costellano il suo recente passato. Continua a leggere

In Francia la Loi de Sécurité globale erode i diritti umani


Di Ismaele Calaciura Errante, Antonino Indelicato, Francesca Romana Miti, Federica Scannavacca, Iris Tripodi

Il 20 Novembre all’Assemblée Nationale, prima camera del sistema legislativo francese, i partiti La République en Marche e Agir hanno presentato il disegno di legge della “Loi de sécurité globale”. La legge e in particolare l’articolo 24, ispirato dal Ministro dell’Interno Gérald Darmanin, ha provocato una frana sociale e politica, culminata in scontri e proteste. Continua a leggere

Produrre, riprodurre, consumare


Arianna Preite, Lucia De Angelis, Giorgia Demuro

Negli ultimi mesi hanno visto la luce due testi che incarnano perfettamente questa considerazione della grande Ursula K. Le Guin: Caccia alle streghe, guerra alle donne di Silvia Federici e Ripartire dal desiderio di Elisa Cuter. Le due pubblicazioni si inseriscono in un filone che mette in evidenza la connotazione più marcatamente politica del femminismo. Continua a leggere

Quanto conta l’aspetto emotivo negli sport


Emanuele Caviglia, Elena Lopriore, Emma Sangalli Moretti

Nel corso degli ultimi mesi, l’opinione pubblica italiana si è dovuta spesso confrontare con un aspetto del mondo sportivo quasi sempre trascurato: l’importanza del fattore psicologico e la fragilità degli atleti negli sport. Una questione che ha mostrato quanto nel nostro Paese non si sia ancora sviluppata la capacità di concepire lo sportivo per quello che è, un essere umano. Continua a leggere

Da Filthy Frank a Joji, un viaggio nella mente di George Miller


Luca Pagani e Clara Villani

Pochi non ricordano l’Harlem Shake del 2013. Quel meme virale di trenta secondi dove quattro individui mascherati davano vita ad una danza in maniera inebetita e dirompente. L’ideatore è presente all’interno del video e indossa una tutina rosa; i fan lo conoscono come Pink Guy o Filthy Frank, ma nell’ultimo periodo un suo progetto musicale chiamato Joji sta avendo molto più successo. Continua a leggere

A cosa ci si riferisce quando si parla di patrimoniale


Giulia Alioto, Chiara Di Tommaso, Eleonora Pizzichelli Hanno collaborato Lucia Giorgi, Aurora Grazioli, Eleonora Sartirana

Il termine “patrimoniale” ricorre spesso nelle discussioni politiche del nostro Paese, con una certa ciclicità: l’ultima volta è diventata oggetto di un emendamento della legge di bilancio. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sulle prospettive e i limiti di un’imposta generale sul patrimonio. Continua a leggere

Mercure. Non tutto è oro quel che è “rinnovabile”


Edoardo Anziano e Giovanni Tucci

Le fonti energetiche rinnovabili sono uno strumento fondamentale nella lotta al cambiamento climatico e nella sopravvivenza del genere umano. Tuttavia, esse non sono prive di problematicità. Tra queste, l’energia da biomassa, un termine ampio ma che indica principalmente la vecchia e cara combustione di legna, è in costante crescita. . Continua a leggere

Leggi Scomodo su carta!

Quanto è scomodo il mondo in cui viviamo? Siamo in casa, chiusi nelle nostre stanze, e fuori dalla porta di casa tutto sta cambiando rapidamente. È il momento di sedersi e riflettere. Abbonati alla rivista studentesca più letta d'Italia. Leggi Scomodo su carta!

ABBONATI

Llaika: un viaggio post covid tra i luoghi della cultura indipendente – terza tappa


collettivo Llaika

Come la cultura indipendente sta reagendo alla crisi del Covid-19? Ce lo racconta Llaika, riportando gli stimoli e gli imprevisti di un viaggio da Venezia fino a Catania. Terza tappa: i luoghi dell’arte sperimentale, luoghi indipendenti, ibridi, quasi invisibili ai nuovi decreti e alle agevolazioni statali, spesso lasciate senza aiuti dalle istituzioni, costrette ad adeguarsi ad un mercato meno ... Continua a leggere

Llaika: un viaggio post covid tra i luoghi della cultura indipendente – seconda tappa


collettivo Laika

Come la cultura indipendente sta reagendo alla crisi del Covid-19? Ce lo racconta Llaika, riportando gli stimoli e gli imprevisti di un viaggio da Venezia fino a Catania. Seconda tappa: i luoghi dello spettacolo e le realtà che hanno aperto. Continua a leggere

Llaika: un viaggio post covid tra i luoghi della cultura indipendente – prima tappa


collettivo Laika

Come la cultura indipendente sta reagendo alla crisi del Covid-19? Ce lo racconta Llaika, riportando gli stimoli e gli imprevisti di un viaggio da Venezia fino a Catania. Prima tappa le librerie, che il 14 aprile sono state fra le prime attività a riaprire, trovandosi a dover fronteggiare problematiche senza precedenti. Le libraie e i librai hanno garantito la circolazione di cultura programmando... Continua a leggere

Il Nagorno Karabakh continuerà a cercare la sua autodeterminazione


Roberto Smaldore e Fabrizio Maroni

Il Nagorno-Karabakh è un territorio a fortissima maggioranza armena. Rientra formalmente nei confini dell’Azerbaijan, ma negli anni ‘90 divenne una repubblica indipendente sotto il nome di Artsakh. Dopo quasi trent’anni, tra fine settembre e inizio novembre 2020, una nuova guerra ha ampiamente ridefinito l’assetto della regione in favore dello Stato azero. Continua a leggere

Capire la geopolitica, intervista a Dario Fabbri


Luca Pagani, Luca Bagnariol

Visto il complesso contesto internazionale, abbiamo avuto l’opportunità di sederci, virtualmente, e intrattenere una lunga conversazione con Dario Fabbri, analista, consigliere geopolitico e coordinatore per l’America di Limes, per capire meglio come evolveranno nei prossimi anni gli scenari esteri. Continua a leggere

I teatri torinesi sopravviveranno improvvisando


Brando Carasso, Giulia Miserocchi, Livia Stramaccioni, Emma Cortesi e Margaret Lamanna.

Dal Teatro Stabile di Torino a più piccole realtà locali presenti sul territorio, come ad esempio i ragazzi e le ragazze del TiB - Teatro in Bottiglia -, è chiaro come non sia avvenuta esclusivamente una presa di coscienza da parte del pubblico affamato di arte, ma anche come si sia creato un vero e proprio senso di unità artistica, una comunità che ha saputo, chi più chi meno, arrangiarsi e... Continua a leggere