Abbonati Accedi

La mostruosità e il grottesco sono gli elementi predominanti di quest'opera. Perché?
Di cosa si fanno portavoci?

Il cielo è grigio sopra Berlino
di BRUNO FANTELLI


Bruno Fantelli Nato a Cles, Trentino, nel 1996. Diplomato al triennio di Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia, attualmente lavora presso gli studi della Fondazione Bevilacqua La Masa del Chiostro dei Santi Cosma e Damiano in Giudecca. Vive e lavora a Venezia.


La mia ricerca è animata da uno spirito di tensione verso la conquista: tra i racconti ricorrenti figurano spesso delle invasioni in un terreno in cui sta avvenendo uno scontro. Nell'opera Il cielo è grigio sopra Berlino, sulle tribune si nota un “caotico ammasso di cose” i cui personaggi sono presi da immagini del passato, riviste, mass media, dal vero o inventati, spesso sfruttando le prime pennellate gestuali. Il lavoro è volutamente lasciato incompleto, giocare la partita è ormai impossibile e il cielo plumbeo sembra promettere nulla di buono...
Bruno Fantelli

Partendo dal presupposto che la persona è ed esiste nei diversi frangenti di trasformazione perenne che la connotano, le opere di Elisa Mossa vanno lette come i tasselli di un unicum: ogni disegno è un frammento tra i mille cocci che compongono Elisa stessa, letto da un’angolazione diversa, sviluppato in forma nuova. Giocando sull’idea della trasformazione i concetti di assenza e presenza sono qui dicotomie semplici di verità: l'utilizzo del bianco e il nero nei disegni di Elisa non è un limitare il possibile, bensì un invito all’essenza, all'osservare la traccia innegabile che resta delle cose e di sé. Pensavo Fossero ciliegie e invece era fusaggine si posiziona in questo mappamondo come un abbozzo, un segno di qualcosa visto di passaggio: la semplicità di un'osservazione, distillata nella costellazione che è la persona, la costellazione che è Elisa.

27 APRILE / h 21.00



*Riceverai un link per partecipare all’incontro il giorno dell'evento che si svolgerà su Google Meet.
L'incontro sarà uno spazio aperto al confronto e al dialogo sull’arte insieme altri partecipanti.





Facci anche tu una domanda! Scrivila
nel box cosi durante l'incontro potrai
farla direttamente tu.Se sei timido, non
preoccuparti, qualcuno domanderà per te.



Contemporary Italian è un progetto che nasce dalla collaborazione di OTTN con Scomodo allo scopo di restituire all’arte la centralità come strumento di comprensione e interrogazione del presente.

OTTN Projects è un’organizzazione culturale no profit gestita da sole donne che mira a creare nuove interazioni tra arte, persone e culture attraverso il contatto con l’arte contemporanea. Spinta dalla convinzione che l’arte debba poter raggiungere qualsiasi tipo di comunità, OTTN esplora diversi metodi di comunicazione artistica attraverso progetti che puntano al sostegno concreto di artisti e iniziative che promuovono l’arte in tessuti comunitari inconsueti.


X

Inserisci la tua email e riceverai un link per partecipare all’incontro il giorno dell'evento che si svolgerà su Google Meet.
L'incontro sarà uno spazio aperto al confronto e al dialogo sull’arte insieme altri partecipanti.

X