Il paese remoto, dopo la pandemia